Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Cras sollicitudin, tellus vitae condimentum egestas, libero dolor auctor tellus, eu consectetur neque.

Press enter to begin your search

E mail Marketing funziona ancora?

Advance / Business  / E mail Marketing funziona ancora?

E mail Marketing funziona ancora?

p

I consigli di Active Campaing

Cos’è l’email marketing

L’ e-mail marketing è un tipo di marketing diretto che usa la posta elettronica come mezzo per comunicare messaggi, commerciali e non, al pubblico. Qualunque e-mail inviata a un cliente (o cliente potenziale), può essere quindi considerata un’azione di e-mail marketing. Solitamente però si usa questo termine per riferirsi all’invio di messaggi email per acquisire nuovi clienti, fidelizzarne altri, o convincere quelli precedenti ad acquistare subito qualcosa. L’attività pubblicitaria online basata sull’invio di un messaggio pubblicitario tramite email verso una lista preselezionata di utenti è chiamata Direct Email Marketing. In Italia vengono ricevuti circa 900 milioni di messaggi di posta elettronica al giorno con un tasso medio di apertura di circa il 18%. In parole povere, se invii una email a qualcuno per proporre un prodotto o servizio stai facendo email marketing.

L’email marketing funziona ancora nel 2019?

Dipende dal settore in cui si opera e dal pubblico che si vuole raggiungere. In linea di massima sì, oggigiorno tutti abbiamo una email quindi potenzialmente si può raggiungere chiunque in qualsiasi momento e ovunque si trovi. In pratica c’è da vedere che tipo di prodotto o servizio si vuole promuovere. Sarà arrivata a tutti almeno una volta nella vita una email che prometteva di diventare ricchi in 6 giorni semplicemente stando sul divano, o simili truffe. Ecco, grazie a questi signori che per anni hanno invaso le nostre caselle, oggi le persone (soprattutto in Italia) sono diventate molto diffidenti da prodotti “miracolosi”, quindi se avete da proporre qualcosa che abbia a che fare con i soldi, con le diete o con qualsiasi cosa possa essere scambiata per truffaldina, meglio lasciar perdere le email. Bisogna anche considerare che una persona che naviga quotidianamente in internet riceve in media dalle 10 alle 20 email al giorno, dipende a quanti servizi e siti è iscritta, senza considerare che usa la stessa email anche per lavoro. Quindi se non si è bravi ad attirare l’attenzione con un titolo accattivante e non ingannevole, la nostra email verrà lasciata nel dimenticatoio.

Meglio email marketing o pubblicità tradizionale?

Uno studio del 2017 afferma che il ritorno dell’investimento (ROI) dell’email marketing è 4 volte superiore rispetto ad altri canali di comunicazione e marketing. In pratica se investo 100 in pubblicità su Facebook e 100 email marketing, se con Facebook ho un ROI di 20 con l’email marketing dovrei averlo di 80. C’è anche da considerare che al contrario di molti canali di comunicazione dove si “aspetta” il passaggio del cliente, qua si va a cercare e a prendere direttamente. Bisogna anche considerare che una email può essere personalizzata ed adattata per ogni persona che si va a contattare in base a dei suoi comportamenti precedentemente tracciati (abbandono di un carrello nell’ecommerce, scaricato un report dal nostro sito…) rendendo l’esperienza utente unica e non indistinta.

Quali tipi di email convertono meglio?

Storie. Avete presente il detto per cui se volete vendere qualcosa ad una persona senza che sembri un’azione di marketing dovete raccontargli una storia? Ecco. Se mandate delle email palesemente fatte per vendere a persone nuove che non vi conoscono e magari non hanno già usufruito dei vostri prodotti o servizi, probabilmente verranno ignorate. Dovete creare un legame con la persona dall’altra parte dello schermo, dovete diventarci amici virtuali, quando leggerà la notifica di una email da parte vostra dovrà esserne felice. Date valore alle persone, non partite in quarta con il vostro messaggio promozionale. Non usate troppe immagini o layout precompilati molto elaborati, del semplice testo è la cosa migliore.

Come posso creare una lista per fare email marketing?

Aggiungete un form nel vostro sito web dove far registrare le persone ad una newsletter, fate scaricare qualcosa in modo gratuito da mandare via email, fateli registrare ad un webinar se avete modo di crearne uno (che sia in tema con quello che fate e che sia di qualità ovviamente), con le pubblicità su facebook per ricevere qualcosa, insomma, se non avete nulla di interessante da offrire alle persone, perché mai dovrebbero lasciarvi la loro email?

Lasciate stare le liste che si trovano online già pronte di persone che non si sa chi siano per due motivi:

  1. È illegale e violereste un po’ di leggi
  2. È inutile perché non è gente in target

Se nessuno vi lascia l’email sono due le opzioni

  1. Non avete abbastanza perone interessate che vedono la pagina dove lasciare l’email
  2. Avete un prodotto o servizio che non sono ottimali

In ogni caso dovrete risolvere i problemi, o mandando più gente alla pagina di registrazione o cercando di migliorare ciò che offrite.

Invia esattamente ciò che i tuoi contatti vogliono vedere

Cosa succede quando devi inviare messaggi diversi ad un pubblico diverso? La segmentazione e il contenuto dinamico semplificano la personalizzazione del messaggio e l’invio di e-mail mirate al contatto giusto.

L’email marketing è personalizzato e personale

Personalizza le tue e-mail in base alle informazioni di contatto di cui disponi. Quando invii esattamente ciò che i tuoi contatti vogliono vedere, le tue e-mail sono personali. E sempre più persone si interessano alle tue e-mail.

Trova ciò che funziona, poi provalo per vedere cosa funziona meglio

Il reporting ti aiuta a vedere quali e-mail stanno funzionando e quali potrebbero essere migliorate. Poi, è possibile utilizzare semplici split testing per permettere alle email di ottenre più open, più clic e più acquisti.